INTERVISTA PER IL BLOG “GIOCHI DI RUOLO”

1 commento

Riporto la recente intervista rilasciata una decina di giorni fa per il blog “Giochi di Ruolo“.

Descrivere il progetto di GM Willo è come cercare di dipanare una matassa infinita che ha nel suo centro la creatività. Visitando il sito www.willoworld.net ci si trova davanti ad una serie di brezze il cui profumo inneggia alla anarchia pura ma, sotto una sola bandiera CREATIVITA’, una parola che fa paura. Giochi di ruolo altra parola che fa paura ma quando è nata questa passione a GM Willo:

“Nasce quando avevo all’incirca sedici anni, di conseguenza verso la fine degli anni ’80. All’epoca il gioco di ruolo era un fenomeno di nicchia in Italia e forse proprio per questo motivo mi incuriosì. C’erano alcuni compagni di classe al liceo che giocavano questo fantomatico D&D, ma non avevo idea di cosa fosse. Solo in un secondo tempo, dopo essermi avvicinato al concetto grazie soprattutto ai libri-game, molto in voga all’epoca, entrai a fare parte del gruppo. L’impatto fu sicuramente entusiasmante; a quell’età un’esperienza di gdr ti può cambiare la vita, ma solo se ci sei portato. Molti ragazzi di quel primo gruppo hanno poi smesso di giocare dopo qualche mese, mentre gli irriducibili giocano tutti ancora oggi, a distanza di più di vent’anni. Il gdr ti prende o non ti prende, semplicemente… All’inizio la cosa che ti affascina di più è senz’altro la possibilità di evadere, e nessun gioco, neanche il videogame più all’avanguardia con la grafica che spacca il culo può regalarti le stesse sensazioni che ti può dare un buon DM. In seguito capì la forza del gruppo… quando un gruppo di ragazzi incomincia a condividere il tavolo di gioco assiduamente, si formano dei legami molto forti. A un certo punto non sapevamo più se ci ritrovavamo per giocare o se giocavamo per ritrovarci; il gioco e l’amicizia andavano di pari passo… Sottoscrivo ogni punto del mio recente articolo “5 buone ragioni per insegnare ai vostri figli a giocare di ruolo”. I gdr hanno grandi potenzialità, certo bisogna saperli dosare… Nel mio caso potrei dire che mi hanno distratto dagli impegni scolastici (e non fui il solo del mio gruppo), ma in compenso ho sviluppato molti interessi e oggi sono un buon autodidatta, basta pensare che conosco alla perfezione l’inglese, faccio il blogger, leggo e scrivo molto. Tutto questo lo devo soprattutto ai gdr, che hanno questa meravigliosa capacità di stimolare la creatività dei giocatori.”

Personalmente penso che ciò che una persona ha dentro nel creare, sia una cosa che nessuna domanda può rispecchiare, stai facendo un lavoro di aggregazione fantastico, vorrei che tu parlassi di cosa stai facendo, di quali sono i tuoi propositi che, esortassi chi ha un lampo, una idea in tal senso a proseguire dicendogli secondo te perché è importante.

“Il processo creativo ti deve dare qualcosa in ritorno nel momento in cui lo porti avanti. Non puoi creare pensando ad un compenso successivo… crei per divertirti e per sondare i tuoi limiti… se poi qualcuno ti dice “bravo” o addirittura è disposto a pagarti, tanto meglio, ma tutto ciò è superfluo. Non automaticamente ogni giocatore di ruolo ha la stoffa del creativo. Di solito lo sono quelli che hanno accettato la sfida del DM, ruolo impegnativo ma a suo modo gratificante. Conosco anche giocatori che non amano fare il DM, e sono proprio loro che sentono meno questa spinta creativa. Fare il Master, studiare un’avventura, metterci del proprio o addirittura costruire una campagna di gioco con tanto di storia, personaggi e via dicendo è un processo molto complesso. Da lì a scrivere una storia, un racconto o un romanzo il passo è breve. Da quando gioco ai gdr ho sempre sentito lo stimolo di creare. Se non gioco, se non ho un gruppo con cui giocare, allora mi metto davanti al computer e scrivo storie oppure invento giochi. Entrambi i sistemi mi soddisfano, perché mi fanno sentire attivo. Non amo molto i videogiochi, non perché non siano belli, intendiamoci, ma perché so che potrei rimanerne coinvolto, e non mi va di buttare via del tempo che potrei impiegare in maniera attiva. A quelli che si mettono a scrivere, a creare, che hanno un progetto in testa e lo vogliono portare avanti dico semplicemente di buttarsi senza paura di fallire. Ripeto, l’esperienza creativa è fine a sé stessa. Quando al termine del lavoro ci ritroviamo tra le mani qualcosa di definitivo, reale, che ci piace e ci soddisfa, tutto il resto è in più. Perché alla fine anche quello è solo un gioco.”

Creare emozioni è raro. Trovare emozioni è unico, cercare di raggiungere i due livelli è paradisiaco, personalmente penso che portare avanti un progetto come quello di GM Willo, sia non solo amare la creatività ma amare le persone!

FONTE: http://giochiamogratis.blogspot.com/2011/08/gm-willo-e-il-mondo-che-vorrebbe.html

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Annunci

MEN OF WAR

1 commento

Una ragazza che partecipa al Meetup della Gilda di Amsterdam, il gruppo con cui attualmente gioco,  ha appena realizzato un minidocumentario sul GDR per la sua classe di regia. Viene spiegato velocemente che cosa é il GDR, cosa ne pensano i giocatori e del tema della violenza legato al gioco.

É presente anche una mia breve riflessione sull’approccio di quei giocatori di nuova generazione che provengono dai videogichi, e del fatto che la loro immaginazione é spesso compromessa dalle immmagini del video.

L’audio é un po’ basso, ma forse seguirá una versione sottotitolata in inglese. Il filmato é ovviamente in inglese.

MEMORIE DI UN ORCO

1 commento

ogre-mirko

Un orco che bussa alla vetrata del giardino? Ma è mai possibile…
Che faccio, gli apro? Guardo i bambini che giocano coi trenini in soggiorno. Mi sorridono e rispondono: “Si babbo! Fallo entrare! Vogliamo giocare insieme all’orco!”
Così la porta a vetro si apre e insieme ai soliti odori fa il suo ingresso La Leggenda: Il Baba!
“Ciao Baba, come stai? Dai, raccontami un po’ dei vecchi tempi, le grandi giocate, il Wolly e il Dona… “
Lui bofonchia tre sillabe incomprensibili e poi attacca.
“C’era una volta…”

… un ragazzo di diciassette anni, dislessico e un po’ bizzarro, ma con una luce dentro che attendeva solo il momento propizio per divampare. Fu il gioco di ruolo ad innescare la fiamma.
Della prima avventura ricorda la pelle di mucca (e come poterla dimenticare!), il Willo Master, il nano di Luca che ammazzò un cinghiale a sassate (perché era rimasto senza ascia), il mago Nois di Jaime, che a fine sessione voleva tenersi per se tutti gli oggetti magici (un pugnale, una sfera e una pozione). “Perché so’ mago!” diceva lui.
Sempre riguardo a Nois, mi parla di quando inventò la mongolfiera grazie a un grande check di intelligenza, e che molti anni dopo, in un’altra avventura da lui giocata in veste di master, uno gnomo era venuto in possesso  dei piani della NOISFERA. Perché il gioco non finisce mai, lo sappiamo bene…

Delle giocate del Richiamo di Chtulhu ricorda lo squod team col furgoncino, sempre pronto a mettere mano sulle armi pesanti. Qualcuno era arrivato a chiedere al master (il sottoscritto) un rifornimento speciale di napalm. “Willo, dacci il napalm, che glielo facciamo vedere noi al Nyarla!” Peccato che quando l’incubo tentacolato venne loro incontro in una delle buie strade di Providence, qualcuno si beccò la bellezza di 94 punti sanità, con conseguente collasso cardiaco. E poi addio furgoncino!

Poi entriamo nel personaggio, quello davvero leggendario, l’elfo Dëar mezzosangue Callari, giunto a Karameikos da bambino insieme alla sorellina che venne poi rapita. Fu questo modesto background ad innescare l’avventura di Atreia del Walter. Dëar contattò a Karameikos l’ambasciatore dell’Alfehim. Raggiunse il regno degli Elfi, alla ricerca del suo passato, e scoprì di essere il figlio di un ambasciatore Callari e di una druidessa Fëadil. Il bisnonno era cugino del Re dell’Alfehim.
Scoprì inoltre che lui e sua sorella erano scampati ad un feroce attacco di goblin, che erano penetrati nell’Alfehim e avevano massacrato il clan a cui apparteneva la sua famiglia. Furono i Callari a riportare i due bambini a Karameikos. Ma poi vennero separati, e ancora oggi, dopo quindici anni di gioco, l’elfo Dëar è alla ricerca della sua amata sorellina.

Infine mi racconta del suo tiro di dado più fortunato. L’avventura era sempre quella di Atreia, e il gruppo (Mirko, Jaime, Dona) stava trasportando il corpo di Yamun Oktai quando fu attaccato da un mostro (di cui, ahimè, non ricorda la specie). Rimasto con 4PF, riuscì a scamparla grazie a un doppio check leggendario: tirò due volte consecutive 1 sul d20.

“Mirko, e poi?” lo incalzo io.
“Non lo so… non mi ricordo…”
Son passati troppi anni o troppe birre?
La risposta la lascio ai posteri. L’orco addenta un pezzo di carne, l’oste gli versa un bicchiere di bionda schiumante, e la serata va avanti, ricordando il gioco e i vecchi tempi. C’è anche il tempo per una piccola interpretazione del vecchio druido…
…lo scostamento del lembo, un’occhiata sfuggente su Mystara. Le giocate vanno avanti. Siamo sempre noi, dopotutto!

INTERVISTA A TOMMY G.

Lascia un commento

tl-i_am_the_dungeon_master_shirt

Quinta intervista: Tommy G. Si attendono le altre…

1.    Quando hai iniziato a giocare ai Giochi di Ruolo?

In prima superiore… Tornai a casa, fantasticando su quel mondo, creando una serie di personaggi immaginari, sapendo che mai avrei potuto giocarli da giocatore… così… si è aperta la via del master! 😉

2.    Come ti sei avvicinato ai Giochi di Ruolo?

Fu il Panda, un vecchio compagno delle elementari, a chiamarmi… Jury ci stava giocando a casa sua assieme a Giulio, David ed al Santangelo. Fu la curiosità a guidarmi, ed ancora mi guida.

3.    Secondo la tua opinione, qual’è la componente principale che diversifica i giochi tradizionali da tavolo dal gioco di ruolo?

L’immaginazione di luoghi e persone non presenti davanti a te, la fantasia di mettere in moto quei luoghi e di far interagire quei personaggi, la facoltà di dire no ad una regola… tutto questo genera il divertimento.

4.    Ma il gioco di ruolo, secondo te, aliena le persone? Le rende asociali? Le isola?

E’ un mezzo, non un fine: sta all’uomo la responsabilità morale del suo utilizzo.

5.    Quanto è vero il luogo comune che vuole i giocatori di ruolo dei perfetti nerd?

Verissimo! 😉 La causa prima dell’angoscia è l’impossibilità di realizzare l’azione gratificante, e sottrarsi a una sofferenza con la fuga o la lotta è anch’esso un modo di gratificarsi, quindi di sfuggire all’angoscia… in pratica siamo tutti dei Nerd! 😉

6.    Se non giochi per vincere, per quale altro motivo giochi i GdR (a parte quello di divertirsi)?

Quello di evolvere verso il Tommaso che potrei diventare grazie ai pg che non diverrò mai… Perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l’unico rimedio all’abitudine, all’indifferenza, alla sazietà. E’ tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E’ l’elogio dell’immaginazione mai attuata e mai soddisfacente.

7.    È cambiato il gioco di ruolo negli ultimi vent’anni? E i giocatori?

Ovviamente, è cambiato il target del giocatore, il suo regolamento, tutto si sta modificando in una macchinazione di mercato: anche il d&d ha scoperto il marketing… in fin dei conti… se lo comprano…

8.    Quanto ha influenzato il mondo del GdR l’uscita dei giochi di carte collezionabili prima, e i MMORPG poi?

Moltissimo, la quarta edizione del d&D è un MMORPG senza server.

9.    Cosa ne pensi del gioco diceless?

Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo…

10.    Una tua opinione sul business del gioco e della fantasy in generale nel periodo post Lord of the Rings di Jackson.

E’ una massificazione: sul fantasy non ho molto da dire, è morto da molto tempo, sul business del gioco risulterei un Puffo quattrocchi. Personalmente me ne frego sia del business che della fantasy in generale, porto avanti i miei interessi con spietata ferocia e sana follia.

11.    Quanta importanza hanno in percentuale i seguenti fattori per ricreare la condizione ideale per una grande giocata: 1) Un bravo master, 2) Bravi giocatori, 3) Un ottimo metodo di gioco, 4) Empatia tra i partecipanti

L’empatia è fondamentale, o il gruppo non legherà. Se ci sono dei contrasti, delle gelosie mal sopite, il gioco ne risentirà, così come le emozioni: può un orchestra suonare Mozart con uno strumento stonato? Poi arriva il bravo master assieme ai bravi giocatori: ogni componente del gruppo deve essere libero dai suoi problemi, o le sue preoccupazioni falseranno il suo apporto al gioco: non ci sarà master che tenga o giocatore che si potrà imporre… forse era meglio un Risiko o al massimo un gioco dell’oca… In ultima posizione il metodo di gioco.

12.    Cosa pensi del gioco di ruolo dal vivo?

Da provare, come tutto del resto… Almeno i guerrieri la smetteranno di dormire nella piastre! 😉

13.    Nel GdR classico, preferisci la parte del giocatore o del master?

Master.

14.    A cosa ti ispiri quando crei un personaggio di gioco?

Alla materia di cui sono fatti i sogni.

15.    A cosa ti ispiri quando architetti un avventura di gioco?

E’ un misto di creatività e di improvvisazione, talvolta ai sogni, molto spesso agli incubi!;)

16.    Smetterai mai di giocare?

Ho già smesso di giocare… LO GIURO! 😉

“L’uomo è un’ essere di desiderio.
Il lavoro può solo soddisfare i suoi bisogni.
Sono rari i privilegiati
che riescono a soddisfare i bisogni
dando retta al desiderio.
Costoro non lavorano mai.”

Henri Laborit
ELOGIO DELLA FUGA

INTERVISTA A GIULIA R.

2 commenti

Quarta intervista per l’inchiesta sul GdR. É la volta di Giulia R. Sopra ho riportato un interessante filmato in cui una ragazza parla del gioco “al femminile”.

1. Quando hai iniziato a giocare ai Giochi di Ruolo?

Dunque quando, quando?… penso di aver sempre giocato,mi piaceva fare le imboscate ai miei amici del quartiere quando ero bambina…colpisci e fuggi… un bel gdr live eheheh per quanto riguarda i giochi Ufficiali…non ricordo quando mi ricordo solo che passando mi hanno fermata dei conoscenti e mi hanno chiesto se volevo giocare a D&D…e da allora …

2. Come ti sei avvicinato ai Giochi di Ruolo?

Appunto passando le giornate alla mia fumetteria del cuore… ci gira strana gente nelle fumetterie >.> … <.< … ti fanno fare cose strane come interpretare dei personaggi di cui non hai mai sentito nominare…e poi ti ritrovi a combattere alberi carnivori e mostri di vario tipo

3. Secondo la tua opinione, qual’è la componente principale che diversifica i giochi tradizionali da tavolo dal gioco di ruolo?

Beh la fantasia…il fatto che fai teatro e non guardi il cinema…

4. Ma il gioco di ruolo, secondo te, aliena le persone? Le rende asociali? Le isola?

Come ogni cosa anche la fantasia può portare male se non si conosce bene come domarla 😛 ovviamente quando esci da sessioni di gioco lunghe giorni un po alienato lo sei..ma anche se ti guardi i 3 film del sda in versione integrale uno dietro l’altro sei un po’ alienato…non credo le renda asociali o isolate dato che devi giocare per forza di cose con altre persone… anzi magari ti ..unisce!

5. Quanto è vero il luogo comune che vuole i giocatori di ruolo dei perfetti nerd?

Nulla di più vero eheheh ma d’altra parte, W I NERD che spesso e volentieri sono più veri e schietti dei Super Fighi!!!

6. Se non giochi per vincere, per quale altro motivo giochi i GdR (a parte quello di divertirsi)?

NON GIOCO PER VINCERE???? e questa che novità è??? ah bhè si gioco per arrivare uno… MWAHAHAHAH… no? Nemmeno? Per accoppare tutti ed essere l’unico che salva la buccia?…nemmeno… ummm… allora per divertirsi certo.. per passare un momento in compagnia, sparare cavolate, fare a gara a chi ha il pg più Power e ovviamente per vedere che meraviglia di Pg sfornerà il Baba…. AHAHAHAH

7. È cambiato il gioco di ruolo negli ultimi vent’anni? E i giocatori?

Ovvio come cambia tutto.. ovviamente i migliori Giocatori siamo noi altri è normale che le nuove generazioni siano dei principianti che non sanno fare nulla ghghghg comunque si davvero cambia il mondo un minimo purtroppo ne risente anche il gioco di ruolo… anche se è quello che ne risente di meno… alla fine chi gioca nell’animo è sempre simile.

8. Quanto ha influenzato il mondo del GdR l’uscita dei giochi di carte collezionabili prima, e i MMORPG poi?

Diciamo che non hanno influenzato il gdr in se per se.. sono dei rami dei gdr… io ai mmorpg come ultima online ci ho giocato fino allo sfinimento, ma questo non ha mai influenzato il gdr “normale”.

9. Cosa ne pensi del gioco diceless?

O____o’

10. Una tua opinione sul business del gioco e della fantasy in generale nel periodo post Lord of the Rings di Jackson.

Ha attirato un sacco di gente…. pure troppa.. meglio pochi ma buoni che tanti che fanno solo un gran baccano!

11. Quanta importanza hanno in percentuale i seguenti fattori per ricreare la condizione ideale per una grande giocata: 1) Un bravo master, 2) Bravi giocatori, 3) Un ottimo metodo di gioco, 4) Empatia tra i partecipanti.

1) 80% 2) 80% 3) poco l’importante è improvvisare 4) abbastanza…direi molto più di ogni altra cosa… l’empatia tra il gruppo mette a proprio agio tutti ecrea delle situazioni…. fantastiche

12. Cosa pensi del gioco di ruolo dal vivo?

SLURP *_____________* Mwahahahah il Mondo è mio!!! emmm.. dicevamo? Eh si dal vivo …. emmm.. sisi… basta controllarsi ed è super fantastico!

13. Nel GdR classico, preferisci la parte del giocatore o del master?

Del giocatore ovviamente.

14. A cosa ti ispiri quando crei un personaggio di gioco?

A come mi sento in quel momento!

15. A cosa ti ispiri quando architetti un avventura di gioco?

Mai architettata

16. Smetterai mai di giocare?

Nemmeno da morta … credo che il grande supremo sia uno dei master migliori 😛

INTERVISTA A E.B.

Lascia un commento

Continua l’inchiesta sul GdR. Questa volta tocca ad Enrico B., esperto in campo ludico e proprietario del negozio di giochi La Città Incantata di Firenze.

dices2

1.    Quando hai iniziato a giocare ai Giochi di Ruolo?

La prima esperienza è stata con Girsa, correva l’estate del 1994, esperienza non molto esaltante, per la precisione con i moduli introduttivi al gioco. Io e il mio party di gioco non capivamo quale fosse il ruolo di master, abbiamo desistito dopo un pomeriggio. Poi è arrivata l’esperienza con D&D e da li è nato l’amore…

2.    Come ti sei avvicinato ai Giochi di Ruolo?

Per caso e grazie all’amore per Tolkien.

3.    Secondo la tua opinione, qual’è la componente principale che diversifica i giochi tradizionali da tavolo dal gioco di ruolo?

Nessuna, cambia soltanto l’approccio. Il primo gioco di ruolo, ovvero l’immedesimazione in un ruolo diverso dal  proprio inizia gia dalla infanzia. Quando siamo piccoli e l’immaginazione corre, possiamo essere indiani e cowboy…Terrestri contro Marziani, non c’è il master, non ci sono dadi da tirare, schede da aggiornare, c’è semplicemente la fantasia. Forse i bambini ne campiscono molto più di noi sull’argomento.

4.    Ma il gioco di ruolo, secondo te, aliena le persone? Le rende asociali? Le isola?

Tutto dipende da che uso se ne fa. Ci si può alienare nei videogiochi come nei libri, lo stesso vale per i giochi di ruolo o qualunque altro mezzo compresa la Tv. Il contatto con la realtà va comunque mantenuto fermo e ben presente. Come ci insegna Michael Ende nella Storia Infinita, non solo dobbiamo avere il coraggio di non smettere di sognare, ma dobbiamo far si che il sogno non diventi una fuga e non ci faccia dimenticare la realtà, come capita a Bastian il protagonista del libro.

5.    Quanto è vero il luogo comune che vuole i giocatori di ruolo dei perfetti nerd?

E’ una consuetudine ragionevolmente vera, come lo era per i Geek, ma videogiochi negli ultimi dieci anni con l’avvento delle nuove console, sono diventati un fenomeno di massa e quindi ben visto dalla società, sdoganandolo moralmente tra le attività “normali”. Sicuramente l’ambiente del gioco di ruolo è estremamente di nicchia, offre una fauna abbastanza eterogenea di nerd provenienti da diversi strati del tessuto sociale, risulta un buon collante e punto di incontro per convivere un interesse tra persone che probabilmente non avrebbero avuto altre occasioni per comunicare ed interagire. Quindi ben venga il dialogo ed essere Nerd, non identifico il termine con una accezione negativa. Sarebbe da fare un’analisi su chi un tempo era Nerd e rinnega il suo passato di sfigato giocatore di ruolo, ma questa è un’altra storia…

6.    Se non giochi per vincere, per quale altro motivo giochi i GdR (a parte quello di divertirsi)?

Chi ha detto che non si gioca per vincere ? Quando si crea un personaggio, un alter ego avrà anche lui degli obbiettivi e delle speranze no ? I suoi scopi saranno certamente quelli di essere un “vincente” nelle sue imprese, tuttavia indipendentemente dall’esito dell’avventura, il piacere di aver scritto una bella storia, dovrebbe essere la cosa più importante. Quindi alla fine, quello che conta è la storia in se e le emozioni che ti ha dato.

7.    È cambiato il gioco di ruolo negli ultimi vent’anni? E i giocatori?

Il gioco di ruolo non cambia nella sua concezione  ma cambia l’uso che se ne fa e i suoi fruitori. I giocatori cambiamo, sarebbe preoccupante se non fosse cosi, spesso diventano più esigenti e i prodotti sul mercato hanno degli standard qualitativi sempre migliori. Ritengo tuttavia che la vera innovazione e crescita nel mondo dei giochi di ruolo avvenga tramite giochi di ruolo indipendenti, avvolte auto prodotti rispetto ai grandi classici come D&D che guardano più al guadagno che ai contanuti.

8.    Quanto ha influenzato il mondo del GdR l’uscita dei giochi di carte collezionabili prima, e i MMORPG poi?

L’influenza c’è stata, ma la contaminazione è avvenuta solo in giochi di ruolo come D&D che strizza l’occhio  con insistenza al mondo dei videogiochi, altre realtà fortunatamente hanno subito una influenza molto marginale o del tutto nulla.

9.    Cosa ne pensi del gioco diceless?

Direi che è un mito, come il mostro di Lockness, in tanti credono di averlo visto, alcuni sostengono di desiderare che sia vero, ma alla fine non lascia traccia. Scherzi a parte è senza dubbio affascinante il gioco di ruolo senza dadi e senza scheda, invoglia alla recitazione e mi sento di apprezzarlo, ma il tiro di dado da comunque il brivido della casualità.

10.    Una tua opinione sul business del gioco e della fantasy in generale nel periodo post Lord of the Rings di Jackson.

Sono contento, ora l’ambiente ha una nuova vita e sicuramente nuovi sbocchi. Il libro come molte  trasposizioni cinematografiche, secondo alcuni astrusi dettami hollywoodiani,  per essere compreso va banalizzato. Purtroppo nel film di Jackson i reali contenuti dell’opera Tolkeniana a volte sfuggono o vengono snaturati, ma è comunque un opera di divulgazione , quindi ben venga se apre gli occhi di qualche sognatore assopito.

11.    Quanta importanza hanno in percentuale i seguenti fattori per ricreare la condizione ideale per una grande giocata: 1) Un bravo master, 2) Bravi giocatori, 3) Un ottimo metodo di gioco, 4) Empatia tra i partecipanti.

1) 60% un buon master è fondamentale. 2) 20% I semi preziosi non attecchiscono nel terreno sterile. 3) 0%  4) 20% è molto importante, se non c’è fiducia e il giusto clima tra giocatori non si crea l’atmosfera magica.

12.    Cosa pensi del gioco di ruolo dal vivo?

Ci gioco di diversi anni, la ritengo una esperienza molto bella, offre delle emozioni davvero coinvolgenti, ma come ogni cosa ha l’altro lato della medaglia, e un grosso numero di giocatori spesso può complicare il gioco.

13.    Nel GdR classico, preferisci la parte del giocatore o del master?

Amo entrambi i ruoli, diciamo in egual misura.

14.    A cosa ti ispiri quando crei un personaggio di gioco?

Mi ispiro un po’ a tutto, esperienze personali, personaggi tratti dal libri o film, idee che mi passano per la mente. Penso principalmente al carattere del personaggio, a cosa voglio raccontare e “vivere” con quel pg, che emozioni lo spingono e motivano, il suo passato, le sue esperienze, inizio a farne un profilo come farebbe un poliziotto con un sospetto, su quella costruisco l’armatura portante del personaggio, la scheda viene fatta solo dopo, se l’idea mi piace e mi convince.

15.    A cosa ti ispiri quando architetti un avventura di gioco?

Immagino il contesto e le sensazioni che voglio dare, poi adatto le idee che ho pensato alla ambientazione, a volte modificandola e ovviamente tengo conto dei gusti dei giocatori con cui gioco.

16.    Smetterai mai di giocare?

No , sarebbe come smettere di sognare.

INTERVISTA A G.D.L.

2 commenti

Continua l’inchiesta sul gioco di ruolo. Qui sotto l’intervista a Gherardo D.L., sopra invece ho riportato un video trovato in rete in cui l’attore Vin Diesel parla in maniera entusiasta del gioco.

1.    Quando hai iniziato a giocare ai Giochi di Ruolo?

Nel 1993, con “Uno sguardo nel buio” di Ulrich Kiesow.

2.    Come ti sei avvicinato ai Giochi di Ruolo?

Dai libro game. Ricordo che “Uno sguardo nel buio” era edito dalla stessa casa dei librigame che leggevo, tipo Lupo Solitario etc…

3.    Secondo la tua opinione, qual’è la componente principale che diversifica i giochi tradizionali da tavolo dal gioco di ruolo?

Gli effetti sensibili che fantasia e creatività hanno nel gioco, insieme all’assenza di competizione.

4.    Ma il gioco di ruolo, secondo te, aliena le persone? Le rende asociali? Le isola?

Sembrerebbe di no,  si tratta di giochi. Si può anche diventare dipendenti dai gdr (quindi tendere a isolarsi), come si può diventare dipendenti dal tennis, dalla musica house, dalla morfina o dai cineforum.

5.    Quanto è vero il luogo comune che vuole i giocatori di ruolo dei perfetti nerd?

C’è un fondo di verità,  a patto che si allarghi un po’ il concetto di ‘nerd’. Non credo che i gdr siano terreno esclusivo di esseri stralunati con pochi capelli, occhiali e che conoscono Guerre Stellari a memoria. C’è invece da dire che molti dei giocatori di ruolo sono persone con gusti simili, oltre ad essere persone poco materialiste, poco conformiste, profonde e non di rado brillanti.

6.    Se non giochi per vincere, per quale altro motivo giochi i GdR (a parte quello di divertirsi)?

Non ci sono altri motivi, è uno svago.

7.    È cambiato il gioco di ruolo negli ultimi vent’anni? E i giocatori?

E’ cambiato perché è diventato un’industria, invece che un settore incompreso e terribilmente underground come era agli inizi. L’affermazione come realtà editoriale a pieno titolo può avere un po’ impoverito lo spirito del gioco, anche banalizzandolo, ma è anche vero che adesso escono moltissimi prodotti: molti di essi sono convincenti, e senza una realtà solida alle spalle non avrebbero mai potuto essere diffusi.

8.    Quanto ha influenzato il mondo del GdR l’uscita dei giochi di carte collezionabili prima, e i MMORPG poi?

Credo molto, perché pur  essendo dei tipi di gioco diversi,  si rivolgono a pubblici simili, sono spesso prodotti dagli stessi editori e vengono diffusi negli stessi luoghi. E’ facile per un giocatore di ruolo avvicinarsi a un gcc e viceversa.

9.    Cosa ne pensi del gioco diceless?

Ne conosco pochi. On Stage è un piccolo capolavoro,  anche se pur non prevedendo l’uso dei dadi il caso gioca sempre un suo ruolo.

10.    Una tua opinione sul business del gioco e della fantasy in generale nel periodo post Lord of the Rings di Jackson.

Sul gioco ho detto qualcosa al punto 7. Il fantasy è un genere in ascesa, ma oggettivamente c’è troppa omologazione. Non si può tornare sempre sui luoghi comuni del genere,  gli autori da privilegiare (e sostenere)  sono quelli che oltre ad essere scrittori di talento hanno idee innovative. Se mi servono storielle di draghi ed elfi le trovo dovunque, e non molte di queste sono un granché.

11.    Quanta importanza hanno in percentuale i seguenti fattori per ricreare la condizione ideale per una grande giocata: 1) Un bravo master, 2) Bravi giocatori, 3) Un ottimo metodo di gioco, 4) Empatia tra i partecipanti

Sono più o meno alla pari, forse il fattore più determinante è il bravo master.

12.    Cosa pensi del gioco di ruolo dal vivo?

E’ una bella invenzione. A me piacciono alcuni gdrv e altri no, ma in generale mi pare un tipo di gioco impegnativo e che coinvolge molti lati della persona che vi partecipa.

13.    Nel GdR classico, preferisci la parte del giocatore o del master?

Giocatore.

14.    A cosa ti ispiri quando crei un personaggio di gioco?

Personaggi di libri, fumetti, film, musica, ma l’idea di base è creare qualcosa di originale e personale. Qualche volta ci si riesce, qualche volta meno.

15.    A cosa ti ispiri quando architetti un avventura di gioco?

E’ più o meno la stesso discorso del PG.

16.    Smetterai mai di giocare?

Non ho idea, non posso prevedere il futuro.

Older Entries