Il Dungeon Crawling é quel tipico scenario da stanza-mostro-tesoro-altra stanza-trappola-altro tesoro… che tanto amavamo quando eravamo dei giocatori di ruolo alle prime armi. É il sistema piú semplice per testare le possibilitá fisiche dei nostri PG, per recuperare oggetti magici e per passare velocemente di livello, esattamente ció che la maggior parte dei giocatori novizi desiderano, perché all’inizio siamo tutti un po’ “power players”. Il Dungeon Crawling era anche l’unico scenario possibile da costruire con le regole della scatola rossa, dato che solo con l’avvento del manuale expert di D&D ci siamo potuti avvicinare all’idea delle “campagne di gioco”. Quel passo, dal dungeon alla campagna, é stato probabilmente il primo salto di qualitá nella nostra carriera di giocatori di ruolo, il primo reale “passaggio di livello”.

Il Dungeon Crawling é rimasto comunque protagonista anche con l’apertura alla “campagna di gioco”, anche se rilegato solitamente alla parte finale dell’avventura. Lo schema classico “stanza-mostro-tesoro” si era evoluto nel piú accattivante “taverna-viaggio-dungeon-mostro finale”, che ci dava una moltitudine di nuove variabili da esplorare. Un conto é rimanere confinati tra le mura di un sotterraneo infestato di creature malvagie, un altro é avere un mondo intero a tua disposizione. Questo nuovo paradigma ci ha fatto conoscere un aspetto del gioco decisamente piú interessante: l’investigazione. Col tempo le campagne investigative si sono ampliate ed i dungeon finali si sono restrinti fino quasi a scomparire del tutto. Eppure devo ammettere che di tanto in tanto un bel Dungeon Crawling non ci sta male…

Il fattore strategico diventa un aspetto fondamentale del gioco quando ci si trova all’interno di un dungeon. Conoscere i giusti incantesimi, le probabilitá di portare un colpo a segno, la potenza degli avversari, i movimenti, le possibili conseguenze di determinate azioni… sono tutte cose appetibili, certo, almeno fino a quando il dungeon non diventa una pratica scontata: “ascolto alla porta”, “cerco le trappole”, “individuo passaggi segreti” ecc… Come detto, rimane sempre un ingrediente gustoso, ma va saputo dosare. É come il burro in cucina: un pochino per legare non é male, ma se ne abusi rischi di coprire i sapori, e ve lo dice uno che di professione fa il cuoco! 😉

Per chi invece ama particolarmente questo lato del gioco di ruolo, mi va di consigliare il ben fatto “Dungeonslayers“, un GdR gratuito scaricabile anche in italiano che si concentra prevalentemente sul Dungeon Crawling. Tempo fa lo presentai a un gruppo di giocatori internazionali con un’avventura scritta da me e riscosse un buon successo per la sua semplicitá e la velocitá di risoluzione dei combattimenti.

Se invece volete sperimentare qualcosa di nuovo, il mio consiglio é Fungeon, un gioco di Dungeon Crawling senza DM. Le regole sono in inglese ma il manuale é breve e consultabile gratuitamente.

Leggi anche: Risuscitare o non far morire?

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Annunci